Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Come le aziende italiane stanno trasformando la sostenibilità in opportunità di crescita

Scopri come le pratiche green e le iniziative di economia circolare stanno ridefinendo il successo aziendale, secondo la recente ricerca di Gartner.
  • Il 69% dei CEO vede la sostenibilità come un'opportunità di crescita.
  • Solo il 14% delle aziende utilizza energie rinnovabili.
  • Il 54% delle aziende ha subito impatti dal cambiamento climatico.
  • Il 50% di riduzione dell’impronta carbonica è l'obiettivo di Tecnocap.
  • L'85% degli italiani è disposto a pagare di più per prodotti sostenibili di qualità.

La sostenibilità continua a essere un tema centrale nelle agende degli amministratori delegati, nonostante il focus sui profitti. Una recente ricerca condotta da Gartner, intitolata “2024 CEO Survey — Year of Strategy Relaunches”, ha evidenziato che il 69% dei CEO e dirigenti senior considera la sostenibilità non solo come un impegno, ma anche come un’opportunità di crescita per l’azienda. La ricerca, condotta tra luglio e dicembre 2023, ha coinvolto 400 figure executive in quattro continenti e diversi settori di mercato.

La sostenibilità viene declinata e utilizzata come motore di crescita principalmente attraverso la proposta di prodotti e servizi “ecologici” (33%), pratiche aziendali più green (18%), coinvolgendo stakeholder (18%) e azioni di decarbonizzazione (18%). Tuttavia, solo il 14% delle aziende utilizza energie rinnovabili e appena l’8% ricorre a investimenti digitali e innovazioni tese alla sostenibilità.

Kristin Moyer, vice president analyst di Gartner, ha commentato: “Nonostante il greenwashing delle aziende e le recenti condizioni economiche che potrebbero aver innescato una regressione verso lo scetticismo per l’ESG (Environmental, Social, Governance), l’impegno dei CEO sembra ben saldo”. Infatti, il 54% degli intervistati ha dichiarato che l’attività della propria azienda è stata impattata dal cambiamento climatico, e il 51% ha fatto scelte conseguenti, come modifiche nella logistica, località dei magazzini e selezione dei fornitori.

Iniziative Aziendali e Collaborazioni per la Sostenibilità

Durante la terza giornata del Festival Pianeta 2030, diverse aziende italiane hanno condiviso le loro esperienze e soluzioni innovative per la sostenibilità. Lorenzo Liotta, responsabile ESG di Simest, ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra imprese per sostenere il percorso verso l’economia circolare. Vittorio D’Amore, Sustainability and Stakeholders Relations di Tecnocap, ha parlato delle iniziative della sua azienda, che produce imballaggi in metallo riciclabili all’infinito, come bombole aerosol in alluminio 100% riciclato.

Simest supporta le aziende nei processi di internazionalizzazione, con un nuovo piano industriale che ha come parola chiave “impatto”. Liotta ha spiegato: “Supportiamo i mercati esteri del Made in Italy attraverso la chiave di lettura della sostenibilità. L’economia circolare è anche economia sui costi: Simest diventa partner e investe per ridurre l’impronta carbonica con strumenti di finanza agevolata”.

Tecnocap, dal canto suo, punta a ridurre del 50% l’impronta carbonica e a migliorare la quota di riciclo, coinvolgendo tutta la filiera per idee su nuovi materiali. Il design sostenibile dell’azienda è concepito in Italia e utilizzato in tutto il mondo.

Sostenibilità e Qualità: La Nuova Frontiera per le Imprese Italiane

Un rapporto intitolato “Sostenibilità è Qualità”, promosso da Ipsos e Fondazione Symbola con la Camera di Commercio di Brescia, ha rivelato che l’85% degli italiani è disposto a pagare di più per prodotti sostenibili e di qualità. Il documento, presentato il 27 maggio durante il ciclo Futura Colloquia, ha sottolineato come la sostenibilità sia cruciale per le decisioni di consumo e le strategie aziendali.

La qualità emerge come il driver principale della sostenibilità, con un contributo del 70,3%, seguita dalla paura per i cambiamenti climatici (22%) e dall’etica (7,7%). Questa enfasi sulla qualità rappresenta una svolta culturale significativa, poiché i consumatori vedono i prodotti sostenibili come sinonimo di eccellenza, superando l’idea che la sostenibilità significhi compromesso.

Ermete Realacci, presidente di Fondazione Symbola, ha dichiarato: “La sostenibilità è necessaria e rappresenta un’occasione per rendere l’economia e la società più a misura d’uomo e capaci di futuro”. La reputazione gioca un ruolo cruciale, rassicurando i consumatori sulla veridicità delle pratiche sostenibili delle aziende.

Sostenibilità Sociale: Un Valore di Riferimento per le Imprese

Andrea Dellabianca, neo presidente della Cdo, ha sottolineato l’importanza della sostenibilità sociale come valore di riferimento per le imprese. La Cdo, un’associazione di categoria atipica, ha come mission la valorizzazione delle “opere” professionali, sociali o educative, e crede nel valore sociale di ogni impresa, profit e non profit.

Dellabianca ha spiegato: “Le imprese devono imparare nuovi linguaggi e acquisire nuovi strumenti in modo socialmente sostenibile. Le nostre imprese vogliono farlo così, e noi stiamo al loro fianco con formazione, contrasto del mismatch professionale, soluzioni di welfare aziendale e fertilizzazione reciproca delle esperienze d’avanguardia”.

La Cdo rappresenta circa 10.000 associati, imprenditori e imprese che includono nel loro DNA valori che il mainstream ha spesso trascurato. Dellabianca ha concluso: “Aiutare il sistema economico a recuperare il valore della persona come relazione è cruciale. La relazione è il tema fondante nella costruzione di un’azienda e nel rapporto con il lavoro”.

Bullet Executive Summary

La transizione ecologica è un processo che mira a ridurre l’impatto ambientale delle attività umane attraverso l’adozione di pratiche sostenibili e l’uso di tecnologie pulite. Questo articolo ha esplorato come le aziende italiane stiano affrontando questa sfida, evidenziando l’importanza della sostenibilità come motore di crescita e competitività.

Una nozione avanzata di economia circolare applicabile al tema dell’articolo riguarda l’implementazione di sistemi di produzione chiusi, dove i rifiuti di un processo produttivo diventano input per un altro. Questo approccio non solo riduce i rifiuti, ma ottimizza anche l’uso delle risorse, creando un ciclo virtuoso che può portare a significativi risparmi economici e benefici ambientali.

In conclusione, la sostenibilità non è solo una moda passeggera, ma una necessità imperativa per il futuro delle imprese e della società. Le aziende che sapranno cogliere questa opportunità e integrarla nelle loro strategie saranno quelle che guideranno il mercato nei prossimi anni. La riflessione personale che emerge è chiara: ogni decisione aziendale, grande o piccola, può contribuire a un futuro più sostenibile e prospero per tutti.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Ok, mi sembra che l’articolo faccia un buon lavoro nel presentare i fatti in modo equilibrato. Interessante notare come la sostenibilità sia vista non solo come un obbligo, ma anche come un’opportunità di crescita.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *