Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Coripet a ‘Missione Italia’: il futuro dell’economia circolare in Italia

Durante l'evento annuale 'Missione Italia', Coripet ha discusso l'importanza di superare la semplice raccolta dei rifiuti per valorizzare gli imballaggi in PET, con obiettivi ambiziosi per il 2025.
  • Il consorzio Coripet, composto da 60 membri, ha presentato il suo modello di economia circolare industriale per le bottiglie in PET.
  • Entro il 2025, il 77% delle bottiglie in PET dovrà essere raccolto e il 25% delle nuove bottiglie dovrà essere realizzato con PET riciclato.
  • Progetti di riforestazione finanziati con i fondi del PNRR in collaborazione con vari livelli istituzionali, inclusi i comuni dell'area metropolitana di Roma.

Il consorzio Coripet ha partecipato all’evento ‘Missione Italia’, un appuntamento annuale organizzato dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) dedicato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per i Comuni e le Città. Durante l’evento, Corrado Dentis, presidente di Coripet, ha sottolineato l’importanza di un cambio di paradigma nella gestione dei rifiuti, superando la semplice raccolta degli imballaggi per valorizzare i rifiuti stessi.

Coripet, un consorzio volontario di diritto privato riconosciuto dal Ministero della Transizione Ecologica il 28 luglio 2021, ha come missione la gestione del fine vita delle bottiglie e dei boccioni in PET sul mercato. Il consorzio è composto da 60 membri suddivisi in tre categorie: produttori (49), riciclatori (5) e converter (6). Il consorzio rappresenta il primo modello italiano di economia circolare industriale applicata alle bottiglie in PET.

Dentis ha evidenziato che l’Europa indica la rotta da seguire nella gestione del fine vita degli imballaggi. Il primo obiettivo da raggiungere è previsto per il prossimo anno, con la direttiva SUP che stabilisce che entro il 2025 il 77% delle bottiglie in PET dovrà essere raccolto, percentuale che salirà al 90% entro il 2029. Inoltre, l’utilizzo del PET riciclato nelle nuove bottiglie dovrà raggiungere il 25% dall’anno prossimo, fino ad arrivare al 65% nel 2040. Per raggiungere questi obiettivi, è necessario implementare raccolte selettive.

La Valorizzazione del Materiale Rifiuto: Un Valore per la Comunità

Durante il panel “Sviluppo sostenibile: progetti del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica” a ‘Missione Italia’, Antonio Di Bari, Responsabile dei Servizi Pubblici Locali, Società Partecipate, Appalti, Infrastrutture e Rifiuti per ANCI, ha discusso il sistema normativo relativo ai rifiuti. Di Bari ha sottolineato che la valorizzazione del materiale rifiuto deve creare valore per la comunità.

ANCI ha gestito la questione degli accordi con i consorzi di settore, come Conai e Coripet, per le bottigliette. Questo è un periodo particolarmente significativo a livello legislativo, con normative europee sfidanti e obiettivi ambiziosi. Stefano Carta, Direttore del Dipartimento VII – Attuazione del PNRR, fondi europei, supporto ai Comuni per lo sviluppo economico e sociale, e formazione professionale del Comune di Roma Capitale, ha evidenziato i progetti di riforestazione finanziati con i fondi del PNRR, sottolineando la sinergia tra i vari livelli istituzionali.

Giorgio Centurelli, Direttore Generale per la Gestione Finanziaria, il Monitoraggio, la Rendicontazione e il Controllo del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ha contribuito al dibattito con quattro parole chiave: performance, livello di connessione, persone e controlli. Laura D’Aprile, Capo Dipartimento per la Transizione Ecologica e gli Investimenti Verdi del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ha annunciato che il Ministero sta mettendo a punto una relazione sul cronoprogramma della strategia per l’economia circolare, citando punti cruciali come l’uso della risorsa acqua, il problema dei RAEE e l’ecodesign.

Progetti di Riforestazione e Sinergia Istituzionale

Stefano Carta ha evidenziato l’importanza dei progetti di riforestazione finanziati con i fondi del PNRR, sottolineando che questi progetti sono stati realizzati grazie alla sinergia tra i vari livelli istituzionali, inclusi i comuni dell’area metropolitana di Roma, il comando dei carabinieri e il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica. Un esempio significativo è l’intervento nella tenuta di Castel Porziano.

Giorgio Centurelli ha sottolineato l’importanza della performance e dei risultati nei progetti di sviluppo sostenibile, evidenziando la necessità di un livello di connessione continuo tra le varie istituzioni coinvolte. Ha anche parlato dell’investimento in persone, con funzionari determinati a lavorare per il successo dei progetti, e dell’importanza dei controlli per migliorare i meccanismi di monitoraggio e rendicontazione.

Laura D’Aprile ha annunciato che il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica sta lavorando su una relazione strategica per l’economia circolare, che include l’uso sostenibile delle risorse idriche, il miglioramento della raccolta dei rifiuti elettronici (RAEE) e l’implementazione dell’ecodesign. Quest’ultimo è un modello economico che coinvolge l’intero processo di ideazione, progettazione, vendita e smaltimento di prodotti rispettosi dell’ambiente.

Bullet Executive Summary

In conclusione, l’evento ‘Missione Italia’ ha messo in luce l’importanza della transizione ecologica e dello sviluppo sostenibile attraverso la valorizzazione dei rifiuti e la promozione dell’economia circolare. La partecipazione di Coripet e le discussioni sui progetti di riforestazione e sull’ecodesign dimostrano che l’Italia sta facendo passi significativi verso un futuro più sostenibile.

Nozione base: La transizione ecologica è un processo di cambiamento che mira a ridurre l’impatto ambientale delle attività umane, promuovendo l’uso sostenibile delle risorse naturali e la riduzione dei rifiuti.

Nozione avanzata: L’economia circolare è un modello economico che si basa sul principio di chiudere i cicli di vita dei prodotti, riducendo al minimo i rifiuti e massimizzando il riutilizzo e il riciclo delle risorse. Questo approccio non solo contribuisce alla sostenibilità ambientale, ma crea anche nuove opportunità economiche e sociali.

Riflettendo su questi temi, è evidente che ogni piccolo gesto quotidiano può contribuire a un cambiamento più grande. La sostenibilità non è solo una questione di grandi progetti, ma anche di scelte individuali consapevoli.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *