Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Quali opportunità offre la rigenerazione dell’area Ex Colombofili a Modena?

Il progetto punta a trasformare una zona strategica di Modena in un centro sociale e culturale, combinando inclusione e sostenibilità
  • Il progetto è stato sviluppato da Shifton Studio e Diverserighestudio, presentato dopo un percorso partecipativo.
  • Prevista la creazione di uno spazio per il Centro Servizi Volontariato, il Forum Provinciale del Terzo Settore e un bistrot gestito da ragazzi con disabilità.
  • Sono stati identificati 4 scenari per il futuro dell'area, tra cui 'Un Ponte come Parco' e 'Palco di Comunità'.
  • La raccolta delle percezioni e bisogni è stata realizzata attraverso interviste e workshop di co-progettazione.
  • L'iniziativa punta a rigenerare le relazioni attraverso la combinazione di diversità, permeabilità e interdipendenza.

Il piano di rigenerazione dell’immobile “Area Ex Colombofili” di Modena, sviluppato da Shifton Studio e Diverserighestudio, è stato presentato al termine di un percorso partecipato per la definizione di una nuova idea di recupero per una zona strategica, a ridosso del centro storico. I promotori del progetto sono la Fondazione di Modena e il Centro Servizi Volontariato Terre Estensi, in collaborazione con la Provincia e il Comune di Modena. L’indagine progettuale è stata condotta attraverso l’ascolto e il coinvolgimento degli stakeholder locali, raccogliendo percezioni e desideri sul futuro del complesso Ex Colombofili, situato vicino al parco Novi Sad.

Il presidente della Fondazione di Modena, Matteo Tiezzi, ha commentato: “Un’indagine progettuale disegna scenari interessanti in un’area strategica per la città. È un’occasione per superare elementi di aridità e attivare il potenziale inespresso attraverso un processo partecipativo. Trasformare quest’area da luogo di passaggio a spazio di incontro con vocazioni specifiche significa risignificarla insieme alla città e alla comunità”.

Un Centro per il Terzo Settore

Il progetto prevede la creazione di un nuovo spazio che ospiterà il Centro Servizi Volontariato, il Forum Provinciale del Terzo Settore, la Fondazione Vita Indipendente e un bistrot gestito da ragazzi con disabilità. Alberto Caldana, Presidente del CSV Terre Estensi, ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa per la solidarietà modenese: “Una bella opportunità per la solidarietà in un nuovo spazio, dove oltre al Centro Servizi Volontariato, troveranno sede il Forum Provinciale del Terzo Settore e la Fondazione Vita Indipendente, con un bistrot gestito da ragazzi con disabilità. Questo offre un’opportunità di animazione di una parte significativa della città, il Parco Novi Sad. Per il CSV, in una nuova sede, sarà possibile un grande contatto con la città, sviluppando servizi e progetti a sostegno degli enti del terzo settore e non solo”.

La raccolta e la rielaborazione delle percezioni, dei bisogni e delle visioni del futuro dell’Ex Colombofili sono state realizzate attraverso due fasi principali. La prima fase ha coinvolto interviste che hanno rivelato il profondo legame tra il complesso e il parco Novi Sad. La seconda fase ha visto la realizzazione di workshop di co-progettazione con stakeholder locali, indagando eventi del passato e l’immagine attuale dell’area.

Quattro scenari per il futuro dell’Ex Colombofili

Dalla co-progettazione sono emersi quattro scenari:

1. *Un Ponte come Parco: Trasformare l’area in una nuova piazza aperta, flessibile e adattabile, abbattendo il muro che separa il parco dall’Ex Colombofili.
2.
Palco di Comunità: Valorizzare la diversità e il mutamento, creando un palco multilingue per le comunità locali.
3.
Sport Comunità e Scuola Aperta: Trasformare la zona in un polo d’attrazione per i giovani, con una vocazione educativa e sportiva.
4.
Levante: Trasformare l’area in un laboratorio di scambio di conoscenze e creatività, diventando un punto di riferimento per studenti universitari, artisti e la comunità locale.

Il concept finale è centrato sulla necessità di rigenerare le relazioni, combinando diversità, permeabilità e interdipendenza. L’area Ex Colombofili-Novi Sad sarà un presidio che accoglie le realtà della comunità del territorio, generando sperimentazione e trasformazione per affrontare le sfide contemporanee.

Processo partecipativo per l’Ex Colombofili

L’idea di rigenerazione dello storico complesso è stata definita attraverso un processo di ascolto degli stakeholder locali, espressione delle diverse sfere della vita pubblica modenese. Il lavoro di raccolta e rielaborazione delle percezioni, dei bisogni e delle visioni del futuro dell’Ex Colombofili è stato realizzato attraverso due fasi principali.

La prima fase ha coinvolto la realizzazione di interviste che hanno rivelato il profondo legame tra il complesso e il parco Novi Sad, realtà legate dalla prossimità fisica e da una lunga memoria storica condivisa, che li rende un ecosistema unico e permeabile. L’area dell’Ex Colombofili e Novi Sad è percepita come un luogo da valorizzare con una vocazione di incontro e relazione. La posizione strategica del parco, la presenza del mercato e delle strutture sportive adiacenti, lo identificano come un luogo di attraversamento di memorie vive: uno spazio dal grande potenziale.

La seconda fase ha visto gli stakeholder locali impegnati in workshop di co-progettazione, indagando eventi del passato che hanno plasmato l’immagine e la memoria attuale. L’Ex Ippodromo e Piazza d’Armi, il parco Novi Sad come luogo di aggregazione per grandi eventi tra cultura, impegno politico e sport. Sede di momenti ricreativi, come l’evento musicale Pavarotti and Friends, nella memoria dei cittadini rimane un luogo di aggregazione. Tuttavia, la riduzione e la non continuità delle attività culturali e ricreative hanno portato a percepire l’area come sottoutilizzata, ma capace di accogliere nuove attività e servizi, spazi di socialità per arredare e nutrire un’area urbana dalla forte potenzialità.

Bullet Executive Summary

Il progetto di rigenerazione dell’Area Ex Colombofili a Modena rappresenta un esempio significativo di come la transizione ecologica e la sostenibilità possano essere integrate nella rigenerazione urbana. Attraverso un processo partecipativo, che ha coinvolto stakeholder locali e la comunità, sono stati definiti scenari che mirano a trasformare un’area strategica della città in un luogo di incontro e relazione, con una forte vocazione sociale e culturale.

Nozione base: La transizione ecologica è un processo di cambiamento verso un modello di sviluppo sostenibile che riduce l’impatto ambientale e promuove l’uso efficiente delle risorse naturali. Nel contesto del progetto Ex Colombofili, questo si traduce nella creazione di spazi che favoriscono l’inclusione sociale e la partecipazione comunitaria, riducendo al contempo l’impatto ambientale attraverso la riqualificazione di aree urbane esistenti.

Nozione avanzata*: L’economia circolare è un modello economico che mira a ridurre al minimo gli sprechi e a mantenere il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse il più a lungo possibile. Applicata al progetto Ex Colombofili, l’economia circolare si manifesta nella riqualificazione e nel riuso di edifici esistenti, trasformandoli in spazi multifunzionali che rispondono ai bisogni della comunità, promuovendo al contempo la sostenibilità ambientale.

In conclusione, il progetto dell’Area Ex Colombofili a Modena non solo rigenera uno spazio urbano, ma crea un nuovo paradigma di sostenibilità e inclusione sociale. La partecipazione attiva della comunità e l’attenzione alla sostenibilità ambientale sono elementi chiave che rendono questo progetto un esempio virtuoso di rigenerazione urbana contemporanea.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Questo progetto sembra molto interessante! Finalmente un’area abbandonata che viene riqualificata. Speriamo solo che non rimanga tutto sulla carta come spesso accade. 🤞

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *