Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

5 innovazioni chiave del regolamento ecodesign per una UE sostenibile

Scopri come il nuovo Regolamento Ecodesign trasforma la progettazione dei prodotti in Europa, e cosa significa per consumatori e imprese.
  • Requisiti di durabilità: Ora i prodotti devono essere progettati per essere più duraturi, riducendo l'impatto ambientale.
  • Passaporto digitale dei prodotti: Fornisce ai consumatori informazioni aggiornate sui prodotti attraverso un portale web ufficiale.
  • 18 mesi di conformità: L'industria ha un periodo di 18 mesi per adeguarsi ai nuovi requisiti del regolamento.

Il 27 maggio 2024, il Consiglio europeo ha adottato il Regolamento sulla progettazione ecocompatibile (ESPR, Ecodesign for Sustainable Products Regulation), segnando un passo cruciale verso un’economia più sostenibile. Questo regolamento sostituisce la precedente direttiva sulla progettazione ecocompatibile, che riguardava solo i prodotti che consumano energia, estendendo l’ambito di applicazione a tutti i tipi di beni sul mercato dell’UE, con pochissime eccezioni come le automobili e i prodotti di difesa e sicurezza.

Pierre-Yves Dermagne, vice primo ministro e ministro dell’Economia e del lavoro belga, ha dichiarato: “Con il regolamento sulla progettazione ecocompatibile, l’industria avrà incentivi per pensare in modo circolare fin dall’ideazione progettuale dei prodotti nell’UE”. Il regolamento introduce nuovi requisiti per la durabilità, riutilizzabilità, possibilità di miglioramento e riparabilità dei prodotti, norme sulla presenza di sostanze che ostacolano la circolarità, l’efficienza energetica e delle risorse, contenuti riciclati, rifabbricazione e riciclaggio, l’impronta di carbonio e l’impronta ambientale, obblighi di informazione e il passaporto digitale di prodotto.

Il nuovo approccio all’ecodesign

Il Regolamento Ecodesign prevede che la Commissione europea stabilisca requisiti specifici di progettazione ecocompatibile mediante atti delegati per diverse tipologie di prodotto. L’industria avrà 18 mesi per conformarsi ai nuovi requisiti. Questo regolamento è allineato al regolamento sui servizi digitali per i prodotti venduti online e introduce un divieto diretto di distruzione di prodotti tessili e calzature invenduti. Le PMI sono temporaneamente escluse, ma la Commissione UE ha il potere di introdurre in futuro divieti analoghi per altri prodotti.

Il passaporto digitale dei prodotti è una delle innovazioni più significative. Questo strumento fornirà ai consumatori informazioni dettagliate e aggiornate sui prodotti, consentendo loro di fare scelte di acquisto più consapevoli. Le informazioni saranno accessibili tramite un portale web gestito dalla Commissione europea, facilitando anche i controlli da parte delle autorità pubbliche.

Impatto e applicazione del Regolamento Ecodesign

Il regolamento entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e sarà applicabile in tutti i Paesi UE 24 mesi dopo. Non necessita di leggi nazionali di recepimento. La Commissione europea emanerà atti delegati per fissare requisiti specifici di ecoprogettazione per diverse tipologie di prodotto. I prodotti prioritari includono ferro, acciaio, alluminio, tessuti, mobili, pneumatici, detergenti, vernici e prodotti chimici.

Il Parlamento europeo ha assicurato che i requisiti di ecodesign saranno introdotti prioritariamente per i prodotti ad alto impatto ambientale. La norma mira a contrastare l’obsolescenza programmata, stabilendo requisiti per la durabilità, riparabilità, efficienza energetica e riciclaggio. I prodotti dovranno essere progettati per essere facili da riparare e riutilizzare, con manuali di istruzioni dettagliati.

Bullet Executive Summary

Il Regolamento Ecodesign rappresenta un cambiamento significativo nel modo in cui i prodotti vengono progettati e consumati nell’Unione Europea. Introduce requisiti rigorosi per la durabilità, riutilizzabilità e riparabilità dei prodotti, promuovendo un’economia circolare e sostenibile. Il passaporto digitale dei prodotti fornirà ai consumatori informazioni dettagliate per fare scelte di acquisto più consapevoli. Il divieto di distruzione dei prodotti tessili e calzature invenduti è un passo importante verso la riduzione dei rifiuti e l’impatto ambientale.

Nozione base: La transizione ecologica implica il passaggio da un modello economico lineare, basato sul consumo e lo smaltimento, a un modello circolare che valorizza il riutilizzo e il riciclaggio delle risorse. Questo regolamento è un esempio concreto di come le politiche possono promuovere la sostenibilità e ridurre l’impatto ambientale.

Nozione avanzata: L’economia circolare non si limita a ridurre i rifiuti, ma mira a creare un sistema economico rigenerativo in cui i prodotti e i materiali mantengono il loro valore il più a lungo possibile. Il Regolamento Ecodesign, con i suoi requisiti per la progettazione ecocompatibile e il passaporto digitale dei prodotti, è un passo avanti verso la realizzazione di questo obiettivo, incentivando l’innovazione e la responsabilità ambientale in tutta la catena del valore.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

3 commenti

  1. Interessante, ma cosa succederà davvero ai prezzi dei prodotti? Scommetto che alla fine saremo noi consumatori a pagare di più per tutto!

  2. Questo regolamento è solo un’altra scusa per aumentare i costi di produzione e soffocare le PMI. Non tutti possono permettersi di seguire questi standard elevati!

  3. Finalmente un passo avanti per l’ambiente! Era ora che l’UE facesse qualcosa di serio contro l’obsolescenza programmata. Spero che questo regolamento venga applicato rigorosamente!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *