Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Come la direttiva greenwashing cambierà le strategie aziendali nel 2024

Scopri come il libro di Marco Letizi svela i trucchi delle aziende e introduce nuove normative per combattere il greenwashing e promuovere la sostenibilità.
  • Il 90% delle banche dell'area Euro ha portafogli di prestiti disallineati con gli obiettivi climatici della Tassonomia.
  • Il 70% degli impegni climatici dichiarati dalle banche non ha contribuito all'allineamento con la Tassonomia.
  • Dal gennaio 2024, le banche sono obbligate a calcolare e pubblicare il Green Asset Ratio per comunicare i progressi verso attività sostenibili.

Il 13 giugno 2024, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio, è stato presentato il nuovo libro di Marco Letizi intitolato “Greenwashing. Strategie di contrasto e casi italiani e internazionali”. Questo volume si propone di smascherare le pratiche ingannevoli di alcune aziende che, pur dichiarando di adottare politiche sostenibili, in realtà continuano a utilizzare metodi di produzione impattanti. Il termine “greenwashing” si riferisce a una strategia di marketing ingannevole che mira a dare un’apparenza di sostenibilità a prodotti, servizi o intere aziende che non sono realmente ecocompatibili.

Durante la presentazione, il moderatore Valerio Rossi Albertini, docente universitario, ha sottolineato come il greenwashing rappresenti una forma di pubblicità ingannevole che può trarre in inganno consumatori, investitori e istituzioni. L’autore Marco Letizi ha spiegato che il greenwashing non solo danneggia il mercato e la libera concorrenza, ma rappresenta anche un ostacolo significativo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La Direttiva Greenwashing e la Tassonomia Europea

Il libro di Letizi esplora anche la recente Direttiva Greenwashing, entrata in vigore il 26 marzo scorso, che introduce una blacklist di comportamenti vietati alle imprese per evitare pratiche di greenwashing. La deputata Patty L’Abbate ha discusso l’importanza della “tassonomia europea”, un sistema di classificazione che determina se un’attività economica può essere considerata sostenibile o verde. La tassonomia europea è fondamentale per garantire che le aziende non si limitino a fare dichiarazioni di sostenibilità, ma adottino realmente pratiche ecocompatibili.

Il professor Francesco Perrini, docente di Economia alla Bocconi, ha parlato della direttiva Corporate Sustainability Diligence Directing, che impone alle aziende di adottare un approccio strategico per minimizzare i rischi e pianificare attività e investimenti che offrano un ritorno competitivo ed economico-finanziario. Questo è essenziale per evitare che nel 2030 ci si ritrovi al punto di partenza.

Il Green Asset Ratio e la Finanza Sostenibile

Un altro tema centrale trattato nel libro è il Green Asset Ratio (GAR), introdotto dal Regolamento dell’Unione Europea 2020/852/UE, noto come “Tassonomia UE”. Il GAR è un indicatore che misura la quota di attività economiche ecosostenibili nel bilancio degli istituti di credito. Dal gennaio di quest’anno, le banche sono obbligate a calcolare e pubblicare il GAR per comunicare i progressi nel riorientamento dei loro affidamenti verso attività sostenibili.

Il GAR è definito come il rapporto tra le attività ritenute sostenibili secondo la Tassonomia e il totale delle attività coperte nel portafoglio bancario. Questo indicatore non solo aiuta a gestire i rischi climatici e ambientali, ma può anche essere uno strumento strategico per le banche, incoraggiandole a offrire condizioni più convenienti alle aziende sostenibili.

Implicazioni e Sfide del Green Asset Ratio

L’introduzione del Green Asset Ratio pone diverse sfide operative per le banche europee. Un’analisi della Banca Centrale Europea (BCE) ha rivelato che il 90% delle banche dell’area Euro ha portafogli di prestiti alle imprese disallineati con gli obiettivi climatici della Tassonomia. Questo potrebbe esporre le banche a rischi climatici e di transizione, aumentando la probabilità di insolvenza dei prestiti concessi.

Inoltre, il rapporto della BCE mostra che il 70% degli impegni climatici dichiarati dalle banche non ha contribuito all’allineamento del portafoglio di prestiti alle imprese. Questo divario tra performance e impegni potrebbe esporre le banche a rischi di contenzioso e reputazionali. Nonostante queste sfide, l’adozione della Tassonomia UE sta iniziando a produrre effetti positivi, con molte istituzioni che integrano i criteri della Tassonomia nei loro processi di origine dei prestiti.

Bullet Executive Summary

In conclusione, il libro di Marco Letizi “Greenwashing. Strategie di contrasto e casi italiani e internazionali” rappresenta un’importante risorsa per comprendere e contrastare le pratiche ingannevoli di greenwashing. La Direttiva Greenwashing e la Tassonomia Europea sono strumenti fondamentali per garantire che le aziende adottino realmente pratiche sostenibili. Il Green Asset Ratio, sebbene presenti delle sfide, è un indicatore cruciale per misurare l’impegno delle banche nella lotta al cambiamento climatico.

Nozione base: La transizione ecologica è un processo che mira a trasformare il nostro sistema economico e sociale in modo da ridurre l’impatto ambientale e promuovere la sostenibilità. Questo include l’adozione di energie rinnovabili, la riduzione delle emissioni di carbonio e l’implementazione di pratiche di economia circolare.

Nozione avanzata: L’economia circolare è un modello economico che si basa sulla riduzione, il riutilizzo e il riciclo dei materiali e dei prodotti. Questo approccio non solo riduce i rifiuti, ma promuove anche l’innovazione e la creazione di nuovi modelli di business. In un contesto di finanza sostenibile, l’adozione di pratiche di economia circolare può migliorare la resilienza delle aziende e ridurre i rischi associati ai cambiamenti climatici.

Riflettendo su questi temi, è evidente che la sostenibilità non è solo una questione ambientale, ma anche economica e sociale. La lotta al greenwashing e l’adozione di strumenti come il Green Asset Ratio sono passi fondamentali per costruire un futuro più sostenibile e equo per tutti.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Sono felice che Letizi stia smascherando queste pratiche di greenwashing! Finalmente qualcuno che prende questi problemi sul serio. Speriamo che le aziende comincino a fare cose reali per l’ambiente e non solo marketing!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *